Search
“Segni e Sogni d’Alpe”: mostra fotografica a Palazzo della Ragione – Moma comunicazione
7855
portfolio-item-template-default,single,single-portfolio-item,postid-7855,cookies-not-set,eltd-core-1.0,averly-ver-1.0,,eltd-smooth-page-transitions,eltd-mimic-ajax,eltd-grid-1200,eltd-blog-installed,eltd-follow-portfolio-info,eltd-main-style1,eltd-disable-fullscreen-menu-opener,eltd-header-standard,eltd-sticky-header-on-scroll-down-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-menu-item-first-level-bg-color,eltd-dropdown-default,eltd-,eltd-fullscreen-search eltd-search-fade,eltd-disable-sidemenu-area-opener,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Progettazione culturale

“Segni e Sogni d’Alpe”: mostra fotografica a Palazzo della Ragione

Mission
L’Assessorato alla Cultura del Comune di Bergamo ci coinvolge per organizzare un evento che rappresentasse Bergamo e il suo territorio, in seguito al suo riconoscimento come “Città Creativa per la Gastronomia Unesco”, ottenuto nell’ottobre 2019.

 

Azione
Pensiamo a come interpretare al meglio il compito affidatoci: decidiamo di allestire una mostra fotografica di cui curiamo la supervisione museologica e museografica, l’analisi dei contenuti, l’individuazione degli autori, il coordinamento del catalogo.
Il focus del progetto è costituito da 3 elementi principali: il paesaggio, il food, le tipicità e le eccellenze del nostro territorio. Per filtrare al meglio questi ingredienti, ci affidiamo allo sguardo di Marco Mazzoleni e della sua fotocamera.
L’obiettivo è divulgare un principio di positività che esiste e persiste nella nostra realtà territoriale e che sta nel conservare e tramandare le tradizioni in modo spontaneo alle nuove generazioni.

 

Goal
La mostra viene inaugurata presso la Sala delle Capriate del Palazzo della Ragione di Bergamo a inizio marzo, avendo nel primo weekend più di 2.000 visitatori. Purtroppo è poi sospesa per l’emergenza sanitaria legata al Covid-19, per riaprire appena possibile.
La rassegna stampa dedicata alla mostra coinvolge diverse testate giornalistiche locali e non solo. Un grande interesse da parte di stakeholders locali e regionali porterà quasi sicuramente alla continuità di questo progetto e alla sua ripetizione: abbiamo infatti ideato la mostra per essere itinerante.
Inoltre il catalogo è stato inserito nel circuito bibliotecario bergamasco.